Università degli Studi di L'Aquila

Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Energetica e Gestionale

La sicurezza nell'Industria manifatturiera: 1 ricerca dei dispositivi

UNI EN 528

 

Posto di comando per emergenza: Posto protetto da cui la macchina può essere comandata durante un’emergenza o un’operazione di manutenzione.

Posto di comando: Posto sulla macchina, o fuori di essa, dal quale si possono comandare i movimenti della macchina.

Dispositivo di movimentazione del carico: Parte della macchina destinata alla movimentazione di carichi specificati.

Zona di lavoro dell’operatore: Zona sulla macchina o fuori di essa in cui si eseguono il prelievo degli ordini, prelievo/deposito o attività simili.

Posto operatore: Posto, sulla macchina o fuori di essa, che comprende il posto di comando e la zona di lavoro dell’operatore.

Dispositivo di dissuasione: Qualsiasi ostacolo che, senza impedire totalmente l’accesso ad una zona di pericolo, ne riduce la probabilità di accesso presentando ostacolo all’accesso libero.

Carico nominale: Carico massimo per il quale la macchina è stata progettata per movimentare, esclusa la massa dell’operatore (o degli operatori) e tutti i componenti della macchina stessa.

Carico di prova: Carico nominale e carico supplementare (per esempio persona) moltiplicato per 1,25.

Velocità nominale: La massima velocità della macchina per la quale è stata progettata e per la quale il venditore garantisce il funzionamento normale.

Meccanismo di sicurezza paracadute: Dispositivo meccanico per arrestare e mantenere fermo l’apparato di sollevamento nel caso in cui la velocità in discesa sia eccessiva.

Carico specificato: Il carico con caratteristiche specificate (massa, dimensioni, pallet o contenitore, imballaggio, ecc.) per il trasporto del quale è stata progettata la macchina.

Dispositivo di trasferimento: Dispositivo impiegato per trasferire un trasloelevatore da un corridoio all’altro. Non è integrato nel trasloelevatore.

Posto di manutenzione: Posto sulla macchina o fuori di essa per la manutenzione e la riparazione in condizioni di sicurezza.

Chiave: Dispositivo che può essere meccanico, elettrico, magnetico o simili con caratteristiche univoche.

Pressione massima di lavoro: Pressione massima corrispondente ai valori prestabiliti della valvola limitatrice di pressione.

Pressione di esercizio: La pressione cui l’impianto fluidico è progettato per lavorare.

Veicolo satellite: Veicolo autonomo collegato al telaio di sollevamento della macchina ed impiegato per trasferire carichi all’interno o all’esterno dalla struttura scaffale.

Zona di trasferimento del carico: Una zona in cui i carichi sono trasferiti all’interno o

all’esterno della zona operativa della macchina.

Stazione di lavoro: Un luogo in cui le persone eseguono il loro lavoro.

Zona di traffico: Una zona che il personale utilizza per spostarsi da un posto all’altro.

Posto operatore: Il trasloelevatore con uno o più operatori a bordo deve avere un posto comando. Questo può essere montato sul telaio di sollevamento, essere spostato indipendentemente dal telaio di sollevamento, oppure montato in posizione fissa. Per le macchine a controllo completamente automatico è possibile fare a meno del posto comando, una posizione di comando di emergenza in condizioni di sicurezza deve essere fornita per ogni macchina.

Freno gruppo di sollevamento: Tutti i gruppi di sollevamento devono essere muniti di freni efficaci o di altri dispositivi equivalenti che siano in grado di arrestare i movimenti del gruppo di sollevamento con il proprio carico di prova in condizioni di sicurezza alla sua velocità nominale e di mantenerlo nella sua posizione di arresto. I freni devono intervenire automaticamente quando si interrompe l’alimentazione. Il gruppo di sollevamento deve essere realizzato in modo che il collegamento tra il freno ed il tamburo o la ruota dentata non possa essere interrotto. Quando è prevista una leva di rilascio manuale del freno, il freno deve essere operativo quando si rilascia la leva.

Dispositivi anti-deragliamento: Sulla macchina deve essere previsto un dispositivo anti-deragliamento (per esempio una griffa che segua il profilo della rotaia) che funzioni anche nel caso di avaria delle ruote o dei rulli guida. Le giunzioni della rotaia devono comprendere i dispositivi adeguati di interbloccaggio per impedire il deragliamento. Devono essere fornite spazzole raschianti la rotaia davanti alle ruote ed ai rulli guida. Devono essere forniti mezzi per impedire che la macchina cada per più di 10 mm nel caso di avaria di una ruota o di un assale.