UniversitÓ degli Studi di L'Aquila

Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Energetica e Gestionale

La sicurezza nell'Industria manifatturiera: 1 ricerca dei dispositivi

UNI EN 1845

Macchine per lo stampaggio di calzature: Macchine per suolatura ad iniezione, colata o vulcanizzazione usate solo nell'industria calzaturiera. Le stazioni di stampaggio di queste macchine possono essere singole o multiple, statiche o mobili, e assumere configurazione lineare, rotativa o a convogliatore. Il materiale lavorato pu˛ essere materiale liquido termoplastico, materia plastica termoindurente, elastomero termoindurente, poliuretano (PU) bicomponente o gomma.

Macchine per lo stampaggio diretto della suola su tomaia: Macchine usate per stampare la suola direttamente sulla tomaia montata. Il fondo della scarpa montata fa da cavitÓ e coperchio dello stampo.

Macchine per lo stampaggio di suole libere e di componenti per calzature: Macchine usate per stampare suole complete, inserti e componenti della calzatura non vincolati alla tomaia.

Macchine per lo stampaggio di calzature e stivali completi: Macchine usate per stampare articoli di calzature completi iniettando materiale nella cavitÓ di uno stampo che contiene uno stampo anima.

Macchine a stazioni fisse: Le stazioni di stampaggio sono fisse. Gli stampi vengono riempiti di materiale con ugelli propri, o con uno o pi¨ ugelli che si spostano di stazione in stazione.

Macchine a stazioni mobili: Uno o pi¨ ugelli sono fissi. Le stazioni di stampaggio si muovono arrestandosi sequenzialmente in corrispondenza del(degli) ugello(i) per il riempimento.

Configurazione rotativa: Le stazioni di stampaggio sono disposte in modo circolare e ruotano attorno ad un asse verticale.

Configurazione a quadrante: Le stazioni di stampaggio fisse sono disposte su un arco di circonferenza e l'ugello si muove lungo l'arco stazione per stazione.

Configurazione lineare: Le stazioni di stampaggio sono disposte in linea retta.

Configurazione a convogliatore: Gli stampi girano lungo un anello chiuso.

Processo di iniezione: Processo di erogazione di gomma, di materiale termoplastico o a reazione-espansione, attraverso un ugello, in uno stampo chiuso.

Processo di colata: Processo di erogazione usato solo con materiali a reazione-espansione formati da 2 o pi¨ componenti liquidi che sono colati dall'alto in uno stampo aperto.

Processo di vulcanizzazione: Processo in cui un pezzo di foglio di gomma Ŕ preriscaldato e posto nello stampo (suole libere o direttamente iniettate). Si forma e si vulcanizza sotto l'azione di calore e pressione.

Movimento pericoloso: Movimento di una parte della macchina che pu˛ dare origine a lesioni.

Punti pericolosi: Punti sulle macchine per lo stampaggio di calzature che possono dare origine a lesioni alla persona, dovuti a movimenti lungo percorsi guidati di trasmissioni, parti del macchinario, utensili o pezzi in lavorazione. Punti particolarmente pericolosi sono: punti di pizzicatura e cesoiamento, punti di perforatura e taglio, punti di trascinamento e intrappolamento.

Coperture fisse: Ripari fissi installati direttamente nei punti pericolosi per impedire da soli, o in combinazione con altre parti, accesso ai punti pericolosi dalla parte coperta (vedere EN 292-1:1991 3.22).

Ripari fissi di recinzione: Ripari fissi che, se in posizione, impediscono l'accesso alla zona pericolosa mediante recinzione.

Interblocco della potenza: Dispositivo di sicurezza indipendente aggiuntivo associato a un sistema di comando progettato per interrompere l'alimentazione di energia agli attuatori dei movimenti pericolosi.

Accesso ricorrente: Accesso regolare nell'area di stampaggio durante il normale ciclo di lavoro.

VelocitÓ di avvicinamento (K): Costante che permette di ottenere la velocitÓ del movimento dell'operatore quando utilizza un dispositivo di comando a due mani, un dispositivo di protezione elettrosensibile o un dispositivo di sicurezza sensibile alla pressione.

Distanza di sicurezza aggiuntiva (C): Distanza che tiene conto del movimento verso il punto pericoloso prima dell'attivazione se si utilizzano dispositivi di protezione elettrosensibili.

Tempo di risposta totale (T):Tempo intercorso tra l'attuazione del dispositivo di sicurezza e l'inizio dell'arresto della macchina o dell'eliminazione del pericolo, considerando il deterioramento, la rottura, la pressione e la velocitÓ di chiusura massime della macchina, e assumendo che essa sia stata equipaggiata per un uso normale.

Recinzione: Riparo attorno a zone pericolose di una macchina o di un impianto che impedisce l'accesso dall'esterno.

Sistema di fabbricazione integrato: Macchina per lo stampaggio di calzature che lavora in combinazione con altre macchine per calzature e viene azionata da un sistema di comando sovraintendente.

Area operativa: Zona di una macchina che include:

- l'area di carico e scarico manuale;

- la postazione dell'operatore.

Area dello stampo: Area coperta dalle parti di stampaggio