back


626 Sicurezza Macchine: 3 controllo dei costi della sicurezza e gestione del rischio

Gestione della sicurezza

Google  
 

Precedentemente sono state analizzate le diverse ottiche con cui classificare i costi aziendali inerenti la gestione della sicurezza. Le pratiche aziendali con cui proporre una differente metodologia di stima sono funzione dell'utilizzo che si intende fare di tali voci di bilancio:

  • contabilità;
    decisioni di investimento;
    controllo di gestione;
    calcolo degli indennizzi.

La metodologia di classificazione che più si adatta alla gestione della sicurezza da un punto di vista di contabilità aziendale è la classificazione in due categorie di costo:

  • costi espliciti;
    costi nascosti.

Tuttavia dal punto di vista di miglioramento e gestione della sicurezza operativa, l'entità e la variazione dell'indice di rischio sono le due variabili di cui sono funzione gli investimenti e i costi di esercizio legati alla gestione della sicurezza. Infatti tutti gli interventi sono mirati alla riduzione del rischio sensibile o latente a cui sono soggetti i dipendenti e l'efficienza dell'attività produttiva. A questo punto due possibili e diverse strategie di intervento definite da una relazione di complementarietà sono:

  • Gestione attiva con cui si tende a ridurre le conseguenze di carattere negativo che la presenza sensibile o latente del rischio comporta sui lavoratori negli ambienti di lavoro;
    Gestione passiva con sui tende a tutelare e difendere la contabilità aziendale in presenza di rischio sensibile e latente.

Tenendo conto di un'applicazione di tale metodologia di definizione di potenziali strategie di intervento in termini di gestione della sicurezza e analisi investimenti si può giungere ad una classificazione dei costi aziendali relativi alla gestione della sicurezza strutturata in quattro tipologie principali:

  • costi di riduzione del rischio;
    costi di contenimento delle conseguenze;
    costi per rischio sensibile;
    costi per rischio latente.

  Costi di riduzione del rischio Costi di contenimento delle conseguenze Costi per rischio
sensibile
Costi per rischio latente
Costi espliciti
  • Formazione
  • DPI
  • Rinnovo impianti
  • Manutenzione progammata
  • Controlli e audit
  • Procedure, organizzazione
  • Funzione sicurezza
  • Premi assicurativi
  • Ufficio e consulenze legali
  • Struttura sanitaria
  • Pronto soccorso
  • Indennizzi
  • Multe e sanzioni (a seguito di incidente)
  • Danni materiali, perdita di risorse
  • Perdita di prodotti
  • Manutenzione a guasto

 

  • Multe e sanzioni (a seguito di visite ispettive)
  • Incentivi di rischio per il personale
Costi nascosti    
  • Ore di lavoro perse

  • Mancata produzione

  • Lavoro temporaneo

  • Lavoro straordinario

  • Costi di immagine (perdita di fornitori nella supply chain, perdita di clienti, perdita netta di capitalizzazione dovuto alla variazione del valore azionario)

  • Conflittualità interna
  • Turnover
  • Inefficienza produttiva
  • Costi della non qualità

back