back

Università degli Studi di L'Aquila

Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Energetica e Gestionale

La sicurezza nell'Industria manifatturiera: 1 ricerca dei dispositivi

Presentazione della direttiva

Indice:

Perché esiste la direttiva macchine


Lo scopo delle direttive comunitarie del “nuovo approccio” è quello di creare le condizioni necessarie affinché le industrie che operano nell’ambito dell’Unione Europea possano realizzare prodotti rispondenti ai medesimi requisiti di sicurezza per le persone, l’ambiente e gli animali, così come richiesto dall’Art. 100 del Trattato di Roma (diventato articolo 94, con riferimento alla versione consolidata attualmente in vigore). Vengono così eliminate le barriere tecniche nazionali dovute a differenti legislazioni nei vari Stati membri. Il “nuovo approccio” ha introdotto il concetto fondamentale che: - il Fabbricante ha il dovere di rendere il prodotto “sicuro”; - deve poter dimostrare di aver fatto tutto il possibile per renderlo “sicuro” La Direttiva Macchine è lo strumento che tutti gli Stati dell’UE hanno deciso di adottare per stabilire i requisiti di sicurezza che le macchine devono possedere per poter essere immesse nel Mercato Comunitario. Sono requisiti di alto livello, essenziali e imprescindibili; essi devono essere soddisfatti nel rispetto dello stato dell’arte tecnologico che nel tempo si evolve e che perciò non viene prestabilito dalla Direttiva. Con il Nuovo Approccio - del quale la Direttiva Macchine è un chiaro esempio - viene attuata la rivoluzione copernicana della libera circolazione delle merci nel mercato unico. Una nuova ripartizione di compiti e responsabilità regola i rapporti tra legislazione e normazione: le istituzioni comunitarie si limitano ad armonizzare, per mezzo di direttive, i requisiti essenziali relativi a sicurezza e salute dei cittadini, protezione dei consumatori e tutela dell'ambiente. Agli istituti di normazione europei - CEN, CENELEC ed ETSI - spetta invece il compito di adottare le "norme armonizzate" che definiscono le specifiche tecniche di cui gli operatori hanno bisogno per progettare e fabbricare prodotti conformi alle esigenze essenziali delle direttive. Dunque, quando si parla di "norme armonizzate", si intendono quelle norme elaborate dagli enti europei di normazione, sulla base di un mandato della Commissione delle Comunità Europee, in grado di esplicitare i generici requisiti delle direttive. Tali norme debbono essere obbligatoriamente trasposte in norme tecniche nazionali, ed eventuali norme in conflitto debbono essere ritirate.
Le norme armonizzate, così come le norme nazionali che le recepiscono, non sono tuttavia obbligatorie: ogni produttore È infatti libero di produrre sulla base di diverse specifiche. Nel qual caso, però, dovrà dare prova della conformità del prodotto rispetto agli obblighi delle direttive. Viceversa, il prodotto realizzato sulla base delle norme armonizzate beneficia di una presunzione di conformità ai requisiti essenziali delle direttive. Si badi che, affinché la presunzione di conformità possa operare, è necessario che il riferimento della norma armonizzata sia stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale delle Comunità Europee e che la norma armonizzata sia stata trasposta a livello nazionale.
Il Nuovo Approccio coniuga dunque elementi di coercibilità, tipici della sfera legislativa (obbligo per gli Stati di accettare i prodotti conformi alle norme armonizzate), con aspetti volontaristici, connaturati al mondo della normazione (possibilità per il produttore di seguire specifiche diverse da quelle armonizzate). In questo modo viene costruito un sistema capace di offrire all'imprenditore dei sicuri punti di riferimento, lasciandogli al contempo la massima libertà - e responsabilità - d'azione.

Torna all'Indice

Perché serve

La Direttiva Macchine è volta:

A questo proposito, la Direttiva Macchine serve:

Torna all'Indice

Cosa comporta per l'impresa

Per dimostrare al committente la conformità della sua macchina, il fabbricante deve:

Il Fabbricante, con queste azioni, si assume la piena responsabilità della sicurezza della macchina.
Deve inoltre essere in grado di giustificare le scelte tecniche adottate nel caso di richiesta motivata da parte degli organismi di controllo: per questo è necessario dotarsi degli strumenti di gestione della documentazione per tutto il periodo fissato per legge (10 anni dall'immissione sul mercato).
La gestione della documentazione della progettazione, della costruzione e dei controlli eseguiti deve perciò garantire la possibilità di rintracciare le informazioni relative a produzioni anche lontane nel tempo. La formalizzazione di un Sistema Qualità aziendale è la logica premessa per un agevole controllo della propria responsabilità.

Torna all'Indice

Campo di applicazione

L'Art. 1 della Direttiva definisce il campo di applicazione della stessa, fornendo la definizione di "macchina":
Ai sensi della direttiva, s'intende per "macchina" un insieme di pezzi o di organi, di cui almeno uno mobile, collegati tra loro, e eventualmente con azionati, con circuiti di comando e di potenza, ecc., connessi solidamente per un'applicazione ben determinata, segnatamente per la trasformazione, il trattamento, lo spostamento e il condizionamento di un materiale.
Inoltre si considera "macchina" un insieme di macchine e di apparecchi che per raggiungere uno stesso risultato sono disposti e comandati in modo da avere un funzionamento solidale.
Inoltre si considera "macchina" un'attrezzatura intercambiabile che modifica la funzione di una macchina, commercializzata per essere montata su una macchina o su una serie di macchine diverse o su un trattore dall'operatore stesso, nei limiti in cui tale attrezzatura non sia un pezzo di ricambio o un utensile.
La Direttiva si applica anche ai componenti di sicurezza secondo la seguente definizione:
Ai fini della presente direttiva, per "componente di sicurezza" si intende un componente, purché non sia una attrezzatura intercambiabile, che il fabbricante o il suo mandatario stabilito nella Comunità immette sul mercato allo scopo di assicurare, con la sua utilizzazione, una funzione di sicurezza e il cui guasto o cattivo funzionamento pregiudica la sicurezza o la salute delle persone esposte.
L'Art. 1, comma 3, definisce le tipologie di macchine che sono escluse dal campo di applicazione.
In particolare sono escluse:
- tutte le macchine i cui rischi sono principalmente di origine elettrica, che sono regolate dalla Direttiva 73/23/CEE;
- tutte le macchine e i componenti di sicurezza che sono oggetto di altre direttive specifiche per i rischi specifici coperti da queste direttive.

Torna all'Indice

La marcatura CE

E’ l'atto formale con il quale il Fabbricante attesta di aver eseguito tutti gli adempimenti necessari richiesti dalla Direttiva Macchine e dalle altre direttive applicabili alla macchina in oggetto. La marcatura CE ai fini della Direttiva Macchine può essere apposta sulla macchina solo se essa soddisfa tutti i requisiti essenziali di sicurezza ad essa applicabili (così come specificato al punto 1 dell'Allegato V): ciò può avvenire anche nel caso in cui vi siano Rischi Residui, che sono quelli che il Fabbricante non può eliminare senza alterare la funzionalità d'uso e l'economia della macchina. La conformità non è limitata ai requisiti essenziali di sicurezza della Direttiva Macchine, in quanto altre direttive applicabili al prodotto potrebbero contenere delle obbligazioni particolari non comprese necessariamente tra i requisiti essenziali della Direttiva Macchine. Si badi che la marcatura CE è la sola che attesti la conformità dei prodotti industriali alle direttive ispirate all'Approccio Globale. A questo proposito, gli Stati membri si astengono dall'introdurre nella loro legislazione nazionale qualsiasi riferimento ad una marcatura regolamentare di conformità diversa da quella "CE" per dimostrare la conformità all'insieme delle disposizioni elencate nelle direttive che prevedono la marcatura CE. E' comunque previsto che un prodotto possa recare altri marchi, per esempio marchi di tipo volontario che attestano la conformità a norme nazionali o europee, a condizione che tali indicazioni non possano creare confusione con la marcatura CE. Una volta apposta la marcatura CE implica che la persona fisica o giuridica che ha effettuato o fatto effettuare la apposizione si è accertata che il prodotto - sottoposto alle appropriate procedure di valutazione di conformità - è conforme a tutte le direttive comunitarie che vi si applicano. Dunque, qualora un prodotto sia oggetto di più direttive che riguardano diversi aspetti e che prevedono la marcatura CE, quest'ultima indica che il prodotto è conforme alle disposizioni di tutte le direttive. Viceversa, qualora una o più di queste direttive lascino la scelta al fabbricante, nel corso di un periodo transitorio, del regime da applicare, la marcatura CE indica la conformità alle disposizioni delle sole direttive applicate dal fabbricante. In questo caso, i riferimenti delle direttive applicate debbono essere registrati sui documenti, note o istruzioni che accompagnano il prodotto. Tuttavia il legislatore non poteva impedire la commercializzazione di macchine non complete che il Fabbricante non è in grado di rendere totalmente conformi ai requisiti essenziali di sicurezza. Infatti la sicurezza della macchina potrebbe essere legata alla sua integrazione in un impianto complesso. In questo caso il Fabbricante non deve apporre la marcatura CE sulla macchina non completa, ma fornire solo la "Dichiarazione del Fabbricante" così come prevista dall'Allegato II-B della Direttiva Macchine: questo documento attesta che la macchina non è completamente conforme a tutti i requisiti applicabili della Direttiva Macchine e pertanto ne proibisce la messa in servizio fino a che il responsabile dell’impianto finale non abbia reso conformi il macchinario nel suo complesso a tutti i requisiti essenziali di sicurezza.

Torna all'Indice

La Dichiarazione di conformità

L'Allegato II della Direttiva 98/37/CE prescrive che ogni macchina o componente di sicurezza, al momento dell'immissione sul mercato, sia provvista di una Dichiarazione sottoscritta dal Fabbricante, che attesta che il prodotto in oggetto risponde ai requisiti di sicurezza ad esso applicabili.
Il documento assume denominazioni diverse in funzione del prodotto cui si riferisce:

Torna all'Indice

L'Analisi dei Rischi

Per dimostrare al Cliente la conformità della sua macchina alla Direttiva, il Fabbricante deve realizzare il Fascicolo Tecnico della costruzione che dovrà contenere, tra le altre documentazioni (vedi All. V - paragrafo 3 a) - III trattino), "la descrizione delle soluzioni adottate per prevenire i rischi presentati dalla macchina". E’ proprio questa la motivazione principale dell'Analisi dei Rischi. Il Fabbricante deve selezionare i rischi eventualmente presentati da una macchina e cercare di eliminarli. L’All. I della Direttiva Macchine contiene i Requisiti Essenziali, ognuno dei quali riguarda un possibile rischio legato al funzionamento della macchina: una macchina deve essere conforme a tutti i requisiti ad essa applicabili. Se ciò non avviene, la macchina presenta un Rischio per l'operatore e per le persone esposte. Il Fabbricante analizza il tipo del rischio relativo ad ognuno di essi, le modalità con cui si può verificare e le sue conseguenze per l'operatore e per le persone esposte. Fatto ciò, egli valuterà se ogni R.E. è Soddisfatto o è Non Soddisfatto, valutando cioè se le soluzioni adottate dal progettista hanno eliminato o ridotto il rischio presentato. Un valido supporto per la metodologia operativa da applicare per l'esecuzione dell'Analisi dei Rischi è fornito dalla Norma armonizzata EN 1050. I concetti base con cui condurre l'Analisi dei Rischi sono i seguenti: - determinazione dei limiti della macchina - identificazione del pericolo - stima del rischio - valutazione del rischio e della gravità delle possibili conseguenze. Il costruttore deve porsi i seguenti quesiti:

Torna all'Indice
 

Il Fascicolo Tecnico

Per dimostrare la conformità del prodotto ai requisiti essenziali, la maggior parte delle Direttive del Nuovo Approccio prescrivono al Fabbricante di documentare le scelte progettuali e costruttive adottate: questi riscontri sono cioè lo strumento con cui il Fabbricante può dimostrare di aver soddisfatto i requisiti essenziali e le norme applicabili. Questa documentazione permette inoltre di definire la destinazione d'uso della macchina per verificare la correttezza del suo uso e l'adeguatezza delle azioni per mantenerla in efficienza durante tutta la sua esistenza, fino allo smantellamento finale. La Direttiva Macchine non si discosta da questa linea procedurale: in caso di contestazione da parte degli Enti nazionali preposti, il Fabbricante deve fornire la dimostrazione oggettiva e documentale della sicurezza del suo prodotto e di come sono stati soddisfatti i requisiti applicabili alla sua macchina.
Questa documentazione prende il nome di Fascicolo Tecnico della costruzione. Nella Decisione 90/683/CEE del 13.12.90, il Consiglio delle Comunità Europee ha deciso che "L'obiettivo essenziale di una procedura di verifica della conformità è quello di permettere all'autorità pubblica di assicurarsi che un prodotto immesso sul mercato sia conforme ai requisiti espressi nelle disposizioni delle direttive, in particolare per quanto concerne la salute e la sicurezza degli utilizzatori e dei consumatori".
Viene quindi sancito quanto già detto in precedenza, e cioè che l’autorità "presume" non conforme il prodotto fino a che il Fabbricante non dimostra documentalmente la correttezza della costruzione e dell'immissione sul mercato. Il Fascicolo Tecnico deve perciò giustificare come sono stati affrontati e risolti i rischi legati all'uso normale della macchina e al suo impiego ragionevolmente prevedibile, durante il periodo di vita previsto per la macchina (dall'immissione sul mercato alla sua dismissione dall'uso). Poiché il Fascicolo Tecnico deve essere disponibile per lungo tempo (almeno 10 anni) esso costituisce l'unico mezzo di cui il fabbricante dispone per poter ricostruire a posteriori la propria buona fede al momento dell'apposizione della marcatura CE.
Infine, nel caso che la macchina rientri in una delle tipologie elencate nell'Allegato IV della Direttiva, il Fascicolo Tecnico è lo strumento primario di valutazione della conformità della macchina e deve essere sottoposto perciò all'Organismo Notificato prescelto che, sulla base dei suoi contenuti e dell'esame di un esemplare della macchina, emette il certificato. Non esistono regole specifiche sul tipo e sul numero di documenti da allegare al Fascicolo Tecnico: esso deve essere un documento snello, facilmente consultabile, gestito e inserito nell'archivio dei documenti di lunga conservazione dell'azienda. Esso non deve documentare il know-how tecnologico del fabbricante: deve essere composto da tutti e soli quei documenti (p.e. disegni, calcoli di dimensionamento, ecc.) che dimostrano come il fabbricante ha soddisfatto i requisiti essenziali di sicurezza della macchina. La caratteristica principale del Fascicolo Tecnico deve perciò essere l'agilità: deve essere strutturato secondo le esigenze del fabbricante, in funzione della tipologia di macchina, delle procedure interne di archiviazione dei documenti, della tipologia di costruzione (serie o esemplare unico), ecc.
L'Allegato V della Direttiva descrive i contenuti richiesti al Fascicolo Tecnico: la sua struttura, ovvero come i vari documenti che lo compongono si susseguono, non è predeterminata anche se vi sono utili indicazioni di cui il redattore deve tener conto.
In particolare il Fascicolo Tecnico deve contenere un esemplare del Manuale delle Istruzioni per l'Uso della macchina, possibilmente nella stessa redazione (lingua, impaginazione, ecc.) consegnata fisicamente all'utilizzatore poiché è assai importante documentare "come" l'operatore è stato informato in merito all'uso sicuro della macchina.
Infine, l'Allegato V prescrive che il Fascicolo Tecnico deve essere redatto in una delle lingue ufficiali della Comunità, salvo quanto prescritto per il Manuale per il quale la Direttiva fornisce prescrizioni più limitative (ved. Allegato I - R.E. 1.7.4 - comma b). Quindi la lingua del Fabbricante può essere utilizzata se egli risiede in uno degli Stati Comunitari. Come detto nell'articolo 11 e nell'Allegato V al punto 4.a della Direttiva, in caso di istanza motivata il fabbricante deve mettere a disposizione dell’autorità la sezione del Fascicolo Tecnico relativa a specifico/i Requisito/i Essenziale/i di Sicurezza: ciò deve avvenire in un tempo "compatibile con la sua importanza", ovvero ragionevolmente breve in funzione delle caratteristiche di urgenza della richiesta. Questo vuole dire che il Fabbricante non è tenuto a disporre fisicamente del Fascicolo Tecnico, ma deve essere in grado di poterlo ricostruire rapidamente (p.e. per mezzo di opportuni riferimenti a documenti d'archivio, attraverso richiesta a subfornitori, ecc.).
Il Fascicolo Tecnico deve essere conservato da chiunque immetta la macchina sul mercato comunitario, indipendentemente dalla provenienza della macchina stessa, ovvero da chi si assume la responsabilità civile e legale delle conseguenze legate all'uso della macchina all'interno della Comunità. La disponibilità deve essere garantita per almeno 10 anni a decorrere dalla data di immissione sul mercato della macchina o dell'ultimo esemplare di macchina se si tratta di una fabbricazione in serie. Devono comunque essere rispettate le specifiche prescrizioni in materia di disponibilità della documentazione previste da tutte le normative applicabili alle macchine (p.e. Responsabilità per i danni derivanti da difetti del prodotto - Direttiva 85/374/CEE). Ricordiamo infine che il Cliente non può mai avvalersi della Direttiva per esigere la presentazione del Fascicolo Tecnico: tale prerogativa è riservata alle sole autorità nazionali competenti.

Torna all'Indice

Il Manuale di Istruzione

Il Manuale con le Istruzioni per l'Uso è redatto dal costruttore, dal suo mandatario o dal suo rappresentante e messo a disposizione dell'utilizzatore. Esso è obbligatorio e fa parte del Fascicolo Tecnico di costruzione. Il Manuale è parte integrante della macchina e deve quindi essere consegnato all'utilizzatore insieme ad essa. La documentazione commerciale della Macchina non deve essere in contrasto con quanto specificato nelle istruzioni per l'uso, specialmente per gli aspetti della sicurezza. Il Manuale di Istruzione deve: - deve tenere conto della sicurezza degli operatori durante tutto il ciclo di vita della macchina, fino alla dismissione e rottamazione; - soddisfare quanto richiesto dalla direttiva e dalla buona tecnica in materia di informazione sul prodotto "macchina"; - fornire ai tecnici, agli operatori ed ai manutentori interessati, istruzioni, informazioni ed avvertimenti utili allo svolgimento dei lavori previsti in condizioni di sicurezza. I contenuti del Manuale possono essere variamente organizzati, ma devono comunque riguardare i seguenti argomenti:

a) Informazioni generali: campo di utilizzabilità della macchina; operatori richiesti; definizioni; limiti di garanzia; predisposizioni da parte dell'utilizzatore; assistenza tecnica (aspetti organizzativi); gestione dei ricambi.
b) Descrizione della macchina e specifiche tecniche: descrizione generale, parti principali, illustrazioni, dimensioni principali, dati tecnici e prestazioni garantite dal fabbricante, impianti, schemi d'impianto, componentistica utilizzata, ecc.
c) Norme di sicurezza e antinfortunistica: modalità di uso "sicuro" della macchina, azioni preventive all'uso, dispositivi di protezione individuali prescritti, usi della macchina previsti, non previsti, non permessi; zone di lavoro, di comando, aree pericolose, protezioni e loro caratteristiche, rischi presenti (nell'ambiente e sulla macchina), targhette antinfortunistiche, rischi residui.
d) Installazione: imballo, movimentazione, spedizione, trasporto e relativi mezzi esterni, caratteristiche del luogo di installazione, predisposizioni e connessioni, necessità di formazione specifica, personale specializzato.
e) Funzionamento: messa a punto per primo avviamento, comandi e zone pericolose, descrizione del quadro e disposizione comandi (anche remoti), modi di funzionamento, arresto normale e di emergenza, gestione del materiale usato e prodotto.
f) Manutenzione: sicurezza delle fasi di manutenzione, manutenzione ordinaria e straordinaria, attrezzi speciali, prodotti d'uso, descrizione (con figure) delle operazioni da eseguire, lubrificazione e registrazioni, dotazioni della macchina.
g) Guasti e disfunzioni (trouble shooting): inconvenienti, cause possibili, rimedi consigliati.
h) Smaltimento rifiuti: cosa produce la macchina, chi e come coinvolgere enti esterni, legislazione vigente, stoccaggio provvisorio e permanente, obblighi di registrazione, ecc.

Il Manuale deve essere redatto in una delle lingue ufficiali del Paese di utilizzo e deve essere accompagnato dalla versione originale (di solito quella del costruttore, se residente sul territorio dell’Unione Europea). Le istruzioni di operazioni di manutenzione destinate ad essere eseguite solo da personale specializzato che dipende dal fabbricante o suo mandatario, possono essere redatte nella sola lingua da loro comprensibile. Possono essere allegati inoltre:- schemi elettrici - schemi oleodinamici - schemi funzionali - schemi gas - schemi termici - schemi pneumatici - schemi idraulici Le istruzioni riportate direttamente sulla machina dovrebbero essere permanenti e leggibili per tutta la vita prevista della macchina. Le targhe applicate devono risultare ben visibili con macchina montata, e fissate con sistemi non smontabili e resistenti alla atmosfera dell'ambiente ed ai prodotti con i quali possono venire a contatto. Lo stesso vale per i segnali applicati sulla macchina o nelle sue immediate vicinanze, richiamanti l'obbligo dell'uso di taluni mezzi personali di protezione, a causa dei rischi residui e/o potenziali.

Torna all'Indice

La clausola di salvaguardia

 La Direttiva, nell'Articolo 7, introduce i principi che regolano la sorveglianza sulla corretta applicazione dei suoi requisiti. In particolare, se uno Stato membro constata che: "talune macchine munite della marcatura "CE", oppure taluni componenti di sicurezza accompagnati dalla dichiarazione "CE" di conformità, utilizzati conformemente alla loro destinazione rischiano di pregiudicare la sicurezza delle persone ed eventualmente degli animali domestici o dei beni, esso prende tutte le misure necessarie per ritirare le macchine o i componenti di sicurezza dal mercato, vietarne l'immissione sul mercato, la messa in servizio oppure limitarne la libera circolazione. Per evitare abusi è anche stabilito che lo Stato in questione dia sollecitamente comunicazione alla Commissione delle misure che ha adottato, motivando adeguatamente la decisione e precisando se la non conformità è dovuta:
a) al mancato rispetto dei requisiti essenziali di cui all'articolo 3 ;
b) ad un'errata applicazione delle norme di cui all'articolo 5, paragrafo 2;
c) ad una lacuna delle norme stesse di cui all'articolo 5, paragrafo 2.

Torna all'Indice

 

back