back


Logistica: 3 Packaging

Carta e cartone: normativa per alimenti

www.valocchi.eu   Logistica   Packaging   Carta e cartone   Carta e cartone: classificazioni

Google  
 

Indubbie caratteristiche positive di questi materiali sono: la flessibilità di assemblaggio in contenitori di diverso tipo e forma, i costi contenuti, la facilità di stampa, la leggerezza (circa 0,7 g/cm3 di massa volumica), la riciclabilità e la biodegradabilità; per contro qualsiasi materiale cellulosico ha una barriera insignificante al passaggio di gas e vapori (non si può parlare di permeabilità in quanto la trasmissione avviene attraverso le discontinuità dell'intreccio fibroso), scarsa resistenza all'umido (l'acqua dissolve i legami a idrogeno che legano una catena di cellulosa all'altra e le fibre tra di loro), debolezza meccanica e facile bio-deteriorabilità. Il contatto delle carte con gli alimenti è disciplinato solo a livello nazionale,
attraverso le norme relative ai costituenti delle carte e dei cartoni (DM del 1973 e successivi aggiornamenti):

􀂃 materie prime fibrose:

• minimo 75% per alimenti per i quali è prevista prova di migrazione,
• minimo 60% per alimenti per i quali non è prevista prova di migrazione;
• massimo 20% di materie prime cellulosiche vegetali per materie prime sintetiche;

􀂃 sostanze di carica:

• minimo 10% se è prevista prova di migrazione,
• minimo 25% se non è prevista prova di migrazione;

􀂃 sostanze ausiliarie:

• massimo 15% (10% solubili, 5% insolubili).